Ricarica gas condizionatori Roma

Assistenza Condizionatori Roma, Installazione e Manutenzione, Riparazioni tutte le marche

Ricarica GAS Roma

Uno dei componenti più importanti all’intero di un condizionatore è il gas. Questo è utilizzato per eseguire lo scambio termico con l’ambiente, generando così aria calda o fredda a seconda della scelta effettuata. Diversi sono i tipi di gas per condizionatori e altri se ne stanno aggiungendo anche nel corso degli anni. Questi ultimi vengono scelti per essere più efficienti e per rispettare al meglio l’ambiente. Effettuare una ricarica di gas refrigerante è molto semplice e può essere fatto anche da soli. Basta utilizzare un kit adatto e avere le apposite bombole di gas. Se si utilizza il gas R-32, la ricarica può essere effettuata sia con il gas allo stato liquido che con quello allo stato gassoso.

Gli ultimi modelli di condizionatori prevedono l’utilizzo del gas R32, ossia un fluido che appare molto efficiente dal punto di vista energetico. Questo permette un consumo più basso al confronto di un gas refrigerante a base di biossido di carbonio. Prima del gas R-32., il più utilizzato era il R-410A. Questo ha un GWP che risulta leggermente inferiore ai dispositivi che funzionano con il gas R-32. Di cosa stiamo parlando? Il GWP è un valore in grado di esprimere l’impatto che il gas refrigerante ha sull’ambiente e sul riscaldamento globale nel momento in cui questo viene rilasciato nell’atmosfera.


Il GW è un valore che confronta l’impatto che un determinato gas refrigerante ha sull’ambiente nel corso della durata di 100 anni.
Per questo motivo il gas R-32 ha sostituito il gas R410A, in quanto il primo rispetta nel migliore dei modi ne regole imposte dalla normativa europea riguardo i gas fluorurati.

  • Personale specializzato

    Effettua corsi di aggiornamento per ricariche fas.

  • Gas certificato

    A norma di legge

  • Certificati

    Vengono rilasciati certificati di conformità.

Come ricaricare gas del condizionatore domestico

Per riuscire a ricaricare il gas del proprio condizionatore è necessario utilizzare un apposito kit. Nel momento in cui un climatizzatore in casa risulta del tutto scarico, questo potrebbe essere stato contaminato dall’umidità. In questo caso una semplice ricarica non è sufficiente. Dopo aver pulito il dispositivo da eventuale umidità attraverso l’uso di una pompa, bisogna effettuare i dovuti interventi di manutenzioni che comprendono la pulizia dei filtri, un controllo della ventola del condensatore e il controllo di eventuali perdite o malfunzionamenti elettrici. Nel momento in cui tutto funziona al meglio, è possibile procedere con il riempimento del gas.

Cosa serve per ricaricare il condizionatore e come farlo

Per ricaricare il condizionatore avrai bisogno di:

  • il giusto refrigerante;
  • erogatore ed eventuale adattatore;
  • il gas adatto, tra cui il più venduto l’R-32

ecco in che modo procedere. Iniziamo con lo spegnere e disconnettere l’intero impianto dal termostato. Per effettuare l’operazione nel migliore dei modi, è necessario utilizzare il libretto delle istruzioni e un kit adatto al tipo di operazione.

Se si pensa di non essere capaci in quest’operazione, meglio chiedere l’intervento di un tecnico professionista che ti mostrerà come farlo nel migliore dei modi in modo tale da imparare a farlo da solo le vote successive.